Condividi
Scrivimi
Naviga
Home / Esadattilia

Il dito sovranumerario può riguardare la mano o il piede e può essere di diversi tipi. Da un semplice abbozzo peduncolato del dito, facilmente rimuovibile alla nascita con una legatura, fino a un completo raggio sovranumerario che comprende le falangi, il metatarso (nel piede) o il metacarpo (nella mano). Il dito sovranumerario non porta di norma ad alcun deficit funzionale se non nel piede a un aumento di larghezza con difficoltà all'uso di calzature. Il problema è prevalentemente estetico e psicologico per cui di norma la maggioranza dei genitori preferisce la risoluzione di questo problema in età neonatale. Il trattamento chirurgico ha dato degli ottimi risultati soprattutto se eseguito molto precocemente e consiste nell'amputazione di tutte le parti sovranumerarie ed eventualmente delle plastiche cutanee al fine di riempire il tessuto mancante.

I problemi muscoloscheletrici del bambino in crescita sono diversi da quelli di un adulto, così come lo è la risposta ai traumi, alle infezioni e alle deformità. A volte, quello che appare in prima battuta come un'anomalia è invece una semplice variazione del processo di crescita e si risolve spontaneamente con il tempo, così come molte condizioni sono uniche dell'infanzia, e non si possono verificare nella vita adulta. Il compito del chirurgo ortopedico pediatrico è di diagnosticare e curare i problemi muscoloscheletrici dei bambini, quali per esempio le deformità degli arti o della colonna vertebrale osservati alla nascita o più tardi (piede torto del neonato, scoliosi, dismetrie degli arti), e così via), le anomalie della deambulazione, i traumi ossei, le infezioni, i tumori e le patologie delle ossa o delle articolazioni.

Il materiale riassorbibile nella chirurgia del piede
Essendo il piede un organo di movimento, la mia attitudine è limitare il più possibile l'uso per la chirurgia di materiale metallico che porta a una rigidità e a volte a un'intolleranza. Negli ultimi anni il materiale metallico usato in precedenza è stato via via sostituito da materiale riassorbibile in polilattato (viti, cambre, pin) che è da preferire quando possibile all'uso di materiale metallico, essendo il polilattato riassorbito dall'organismo nel giro di 6-8 mesi e non dovendo essere rimosso.

ultimo aggiornamento 07/05/2018
© 2018 ortopediainfantile.it, tutti i diritti riservati | P.IVA 08708990158 | ultimo aggiornamento: 07/05/2018 | home page | note legali
Nota: le informazioni fornite da questo sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico/paziente
Home / Esadattilia

Il dito sovranumerario può riguardare la mano o il piede e può essere di diversi tipi. Da un semplice abbozzo peduncolato del dito, facilmente rimuovibile alla nascita con una legatura, fino a un completo raggio sovranumerario che comprende le falangi, il metatarso (nel piede) o il metacarpo (nella mano). Il dito sovranumerario non porta di norma ad alcun deficit funzionale se non nel piede a un aumento di larghezza con difficoltà all'uso di calzature. Il problema è prevalentemente estetico e psicologico per cui di norma la maggioranza dei genitori preferisce la risoluzione di questo problema in età neonatale. Il trattamento chirurgico ha dato degli ottimi risultati soprattutto se eseguito molto precocemente e consiste nell'amputazione di tutte le parti sovranumerarie ed eventualmente delle plastiche cutanee al fine di riempire il tessuto mancante.

I problemi muscoloscheletrici del bambino in crescita sono diversi da quelli di un adulto, così come lo è la risposta ai traumi, alle infezioni e alle deformità. A volte, quello che appare in prima battuta come un'anomalia è invece una semplice variazione del processo di crescita e si risolve spontaneamente con il tempo, così come molte condizioni sono uniche dell'infanzia, e non si possono verificare nella vita adulta. Il compito del chirurgo ortopedico pediatrico è di diagnosticare e curare i problemi muscoloscheletrici dei bambini, quali per esempio le deformità degli arti o della colonna vertebrale osservati alla nascita o più tardi (piede torto del neonato, scoliosi, dismetrie degli arti), e così via), le anomalie della deambulazione, i traumi ossei, le infezioni, i tumori e le patologie delle ossa o delle articolazioni.

Il materiale riassorbibile nella chirurgia del piede
Essendo il piede un organo di movimento, la mia attitudine è limitare il più possibile l'uso per la chirurgia di materiale metallico che porta a una rigidità e a volte a un'intolleranza. Negli ultimi anni il materiale metallico usato in precedenza è stato via via sostituito da materiale riassorbibile in polilattato (viti, cambre, pin) che è da preferire quando possibile all'uso di materiale metallico, essendo il polilattato riassorbito dall'organismo nel giro di 6-8 mesi e non dovendo essere rimosso.

ultimo aggiornamento 07/05/2018
© 2018 ortopediainfantile.it, tutti i diritti riservati | P.IVA 08708990158 | ultimo aggiornamento: 07/05/2018 | home page | note legali
Nota: le informazioni fornite da questo sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico/paziente